Recensione “La coscienza di Zeno” – Italo Svevo

Autore : Italo Svevo
Casa Editrice : Newton

“Il tempo, per me, non è quella cosa impensabile che non s’arresta mai. Da me, solo da me, ritorna.”

Un grande classico che riletto in età adulta ti rimane impresso. 
Un manoscritto, ma anche romanzo, di Zeno Corsini, dove si raccontano le vicende personali suddivise tra il vizio del fumo, un matrimonio casuale, un rapporto pieno di conflitti con il padre ed una storia di tradimento. Ma la psicanalisi sarà davvero utile alla cura della sua malattia ? Lui è un essere nevrotico e ipocondriaco. 
Il romanzo è una descrizione della sua coscienza e dell’insofferenza che l’affligge, un individuo inetto incapace di prendere decisioni o posizioni ed è così che susseguono situazioni in cui ci si ritrova e non è in grado di gestire.

E’ una lettura che arricchisce senza ombra di dubbio, la descrizione sempre più reale e moderna di un personaggio così complicato lo rende un grande classico ma a parer mio un grande libro sempre attuale.

Gianpiero

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

I commenti sono chiusi.